Climax di Antigone: l'inizio di un finale

John Campbell 21-08-2023
John Campbell

Il climax di Antigone La tragedia sofoclea è scritta con una certa precisione che non è mai stata in discussione. passa in modo fluido da una scena all'altra. Ma per individuare e cogliere il punto culminante, bisogna conoscere l'opera stessa e, a questo proposito, ripercorriamo gli eventi della tragedia.

Antigone

Antigone, il seguito di Edipo Re, Il racconto inizia con il ritorno di Antigone a Tebe dopo la morte del padre, dove viene informata dell'ingiustizia subita dal fratello: il nuovo re, Creonte, ha soprannominato Polineo e si rifiuta di seppellirlo per punizione, lasciando il suo corpo a marcire sulla terraferma.

La commedia inizia con Ismene e Antigone che litigano per la legge appena approvata che impedisce al loro fratello di essere sepolto. esasperato e frustrato per gli avvenimenti Antigone intende seppellire il fratello nonostante l'imminente minaccia di morte e vuole che Ismene, la sorella di Antigone, faccia lo stesso. Ismene è riluttante e vuole che Ismene faccia lo stesso. cerca di razionalizzare con Antigone, Antigone, arrabbiata per il suo rifiuto, decide di seppellire il fratello senza Ismene, spingendo quest'ultima a ripensarci.

Antigone si dirige verso l'area del palazzo e immediatamente trova il corpo del fratello. Scavando una fossa accanto a lui e riuscendo a seppellire il corpo di Polineo, viene catturata da due guardie di palazzo e portata immediatamente da Creonte. Ismene si precipita al fianco della sorella quando apprende la notizia della sua cattura e assiste al decreto di Creonte. Implora di unirsi alla sorella nella sua punizione, Alla fine, Antigone è costretta a essere seppellita in una caverna. Un grande schiaffo a coloro che credono negli esseri divini.

Guarda anche: Crisi, Elena e Briseide: romanze o vittime dell'Iliade?

Mentre la nostra eroina è imprigionata nella tomba, pensa agli eventi che l'hanno portata sulla strada che percorre oggi. Questo potrebbe essere visto come il punto di svolta di Antigone. decide di arrendersi alla maledizione della sua famiglia, Si toglie la vita rifiutandosi di ascoltare il decreto di Creonte, che aveva imprigionato la donna di sangue reale invece di giustiziarla come aveva annunciato. Aveva progettato di imprigionarla per molto tempo, dandole solo il cibo necessario per la sopravvivenza. nella speranza della sua morte nella tomba. In questo modo, non ha le mani sporche di sangue e non può essere ritenuto responsabile della morte di un reale.

Emone, amante di Antigone, cerca di convincere il padre Creonte, per lasciare andare la sua amata, ma viene rifiutato nel processo. Intraprende un piano per liberarla e corre verso la tomba. In quel preciso momento, Tiresia, il profeta cieco, mette in guardia Creonte dalla sua arroganza, incoraggiandolo di liberare Antigone perché le sue azioni erano contro gli dei. Creonte si rende conto delle implicazioni delle sue azioni e si precipita a liberare Antigone.

Quando Creonte arriva nella tomba, trova i corpi del figlio Emone e di Antigone freddi e morti. Euridice, moglie di Creonte, scopre il suicidio del figlio rimasto e maledice Creonte nel palazzo. Già sull'orlo della pazzia, la regina si spezza ulteriormente quando il figlio rimasto passa Si toglie la vita, desiderosa di stare con i suoi amati figli, sperando di causare a Creonte lo stesso dolore che aveva provato lei.

Quando Creonte si rende conto di essere l'unico rimasto della sua famiglia, si lamenta della sua arroganza e della sua decisione. Vive il resto della sua vita in miseria mentre le sue azioni lo portano alla solitudine.

Qual è il climax di Antigone?

Si dice che l'azione ascendente di Antigone avvenga come Creonte imprigiona l'amante del figlio Durante la sua prigionia, Tiresia avverte Creonte delle sue trasgressioni nei confronti del popolo e degli dei, esortando il re a mettere da parte la sua arroganza e ad accettare le sue richieste. seppellire giustamente il corpo di Polineo Tiresia racconta la sua visione al re tebano, ammonendolo sulle sue azioni e mettendolo in guardia dalle ripercussioni che potrebbe avere. Creonte condanna la profezia di Tiresia finché Choragos non lo aiuta a rendersi conto delle sue colpe, ma il suo cambiamento d'animo non porta alcun frutto mentre lotta per accettare la morte dell'unico figlio rimastogli.

Ci sono diverse analisi dell'Antigone che riguardano il climax dell'opera sofoclea. Il climax si riferisce a il punto di massima tensione significativo o la parte più emozionante dell'opera che conduce verso la fine. Il climax è molto discusso a causa della struttura intensa e lineare della trama di Antigone. Alcuni considerano il Climax come punto di svolta di Creonte. La scena in cui si precipita verso la tomba per liberare Antigone è senza dubbio una delle più intense dell'opera, ma ciò che accade dopo è tragico quando vede il cadavere del figlio rimastogli. La tragedia è accentuata dal momento in cui il climax della commedia avrebbe potuto essere evitato se i personaggi avessero ascoltato gli avvertimenti di Tiresia.

Il conflitto in Antigone

Il conflitto centrale dell'Antigone determina il climax della trama dell'Antigone. Antigone è una donna pia che crede devotamente Gli dèi e le dee greche avevano decretato che tutti gli esseri viventi, alla morte e solo alla morte, dovevano essere sepolti per passare agli inferi.

Guarda anche: Ciclope - Euripide - Antica Grecia - Letteratura classica

Così, quando Antigone viene a conoscenza della legge di Creonte, si infuria perché il nuovo re tebano osa mettersi sullo stesso piano degli dei. Antigone considera il decreto di Creonte come blasfemo e si rifiuta di ascoltare i suoi ordini; la sua persona umile non si vede da nessuna parte perché dà la priorità alle leggi di coloro che sono al di sopra di lei. Per questo motivo, il conflitto centrale in Antigone è il tema sempre attuale e controverso di "Chiesa contro Stato".

Risoluzione in Antigone

La risoluzione in Antigone è vista come Creonte porta il corpo del figlio rimasto nel palazzo. Questa scena enfatizza la consapevolezza delle ripercussioni delle sue azioni. Egli capisce di essere stato la causa della tragedia che lo ha colpito, poiché si è rifiutato di ascoltare i consigli che gli erano stati dati. Un messaggero lo informa poi della morte della moglie, maledicendolo mentre esalava l'ultimo respiro, Creonte rimane paralizzato dal dolore: si era messo sullo stesso piano degli dèi e aveva perso il figlio e la moglie. Il coro chiude la commedia impartendo un'importante lezione: gli dèi puniscono l'orgoglio perché porta saggezza.

Analisi di Antigone

Antigone, prima protagonista femminile del mondo drammatico antico, è stata interpretata come eroica e testarda perché causa la morte di altre due persone La commedia, una delle opere più influenti di Sofocle, ha suscitato nel tempo sia il rispetto che le critiche.

L'esempio classico di tragedia greca chiede di essere analizzato, poiché i suoi eventi culminano in la combinazione di divinità, moralità e giustizia. La maledizione della loro famiglia deriva da suo nonno, il re Laio, che violentò e rapì Crisippo, condannando la sua famiglia alla tragedia. La maledizione continua fino ad Antigone, che pone fine al loro tragico destino, lasciando la sorella Ismene come unica superstite della famiglia.

Alcuni analizzano l'opera come una tragedia di Creonte e non di Antigone, poiché il re ha perso molto di più delle nostre eroine ed è incentrato esclusivamente sui suoi errori. Il dramma non si sarebbe verificato se non fosse stato per il suo abuso di potere e per il suo palese disprezzo delle responsabilità familiari, divine e personali.

La tragedia di Antigone e la sua morte possono essere viste e interpretate come il risultato del fato, della giustizia e della punizione che deriva dai peccati della sua famiglia: Il crimine di stupro di Laio, la nascita di Antigone e i suoi fratelli da una relazione incestuosa e dall'omicidio patriarcale avvenuto nella commedia precedente.

Conclusione:

Ora che abbiamo parlato del climax, di cosa sia, e individuare l'inizio e la fine della tragedia sofoclea, esaminiamo alcuni punti chiave di questo articolo:

  • Climax È l'apice degli eventi da cui il pubblico trae la massima tensione.
  • Antigone, il seguito di Edipo Re, inizia quando Antigone torna a Tebe dopo la morte del padre; viene informata dell'ingiustizia subita dal fratello.
  • Il conflitto centrale della trama è l'infinito, famigerato e controverso tema della Chiesa contro lo Stato.
  • In questo caso, Atena rappresenta la Chiesa e Creonte lo Stato, creando una dinamica di potere che danneggia coloro che li circondano e toglie loro la vita.
  • Antigone provoca inconsapevolmente altre due morti con il suo apparente suicidio. Sebbene la sua lealtà nei suoi confronti possa essere encomiabile, non ha visto ciò che è realmente di fronte a lei, Ismene.
  • Antigone abbandona Ismene mentre si unisce al resto della sua famiglia nell'aldilà, augurando alla giovane una vita felice.
  • L'azione crescente di Antigone è la sua punizione: viene trascinata verso le tombe dove trascorrerà il resto della sua vita, imprigionata per le sue trasgressioni. In questo modo Creonte non si sporcherà le mani di sangue, aspettando che Antigone si indebolisca e alla fine muoia.
  • Il culmine si verifica quando Creonte si precipita verso la tomba per liberare l'eroina, ma è indebolito quando vede il cadavere del figlio. Il punto di svolta di Creonte si rivela essere la sua realizzazione quando assiste alla rabbia degli dei divini.
  • Creonte vive nell'infelicità quando si rende conto di ciò che ha fatto alla moglie e ai figli: il primo figlio è morto nella guerra per Tebe e il secondo si è tolto la vita a causa degli errori del re tebano.
  • La commedia si risolve quando il coro trasmette agli spettatori la propria conoscenza: gli dei puniscono i superbi, ma con essi arriva la saggezza.

In conclusione, l'apice di Antigone è rappresentato da il conflitto centrale della tragedia, "Chiesa contro Stato". Il conflitto tra le due aree opposte non deriva da idee contrastanti, ma dal confronto tra le due parti. Sofocle enfatizza l'importanza dell'umiltà, poiché il momento culminante ritrae le conseguenze dell'arroganza mentre il finale illustra la necessità di una punizione; La punizione porta alla saggezza quando si riflette sulle proprie azioni".

John Campbell

John Campbell è un affermato scrittore e appassionato di letteratura, noto per il suo profondo apprezzamento e la vasta conoscenza della letteratura classica. Con la passione per la parola scritta e un fascino particolare per le opere dell'antica Grecia e di Roma, John ha dedicato anni allo studio e all'esplorazione della tragedia classica, della poesia lirica, della nuova commedia, della satira e della poesia epica.Laureato con lode in Letteratura inglese presso una prestigiosa università, il background accademico di John gli fornisce una solida base per analizzare e interpretare criticamente queste creazioni letterarie senza tempo. La sua capacità di approfondire le sfumature della poetica di Aristotele, le espressioni liriche di Saffo, lo spirito acuto di Aristofane, le riflessioni satiriche di Giovenale e le travolgenti narrazioni di Omero e Virgilio è davvero eccezionale.Il blog di John funge da piattaforma fondamentale per condividere le sue intuizioni, osservazioni e interpretazioni di questi capolavori classici. Attraverso la sua meticolosa analisi di temi, personaggi, simboli e contesto storico, dà vita alle opere di antichi giganti letterari, rendendole accessibili a lettori di ogni estrazione e interesse.Il suo accattivante stile di scrittura coinvolge sia le menti che i cuori dei suoi lettori, trascinandoli nel magico mondo della letteratura classica. Con ogni post sul blog, John intreccia abilmente la sua comprensione accademica con un profondolegame personale con questi testi, rendendoli riconoscibili e rilevanti per il mondo contemporaneo.Riconosciuto come un'autorità nel suo campo, John ha contribuito con articoli e saggi a diverse prestigiose riviste e pubblicazioni letterarie. La sua esperienza nella letteratura classica lo ha reso anche un ricercato relatore in vari convegni accademici ed eventi letterari.Attraverso la sua prosa eloquente e il suo ardente entusiasmo, John Campbell è determinato a far rivivere e celebrare la bellezza senza tempo e il significato profondo della letteratura classica. Che tu sia uno studioso dedicato o semplicemente un lettore curioso che cerca di esplorare il mondo di Edipo, le poesie d'amore di Saffo, le argute commedie di Menandro o i racconti eroici di Achille, il blog di John promette di essere una risorsa inestimabile che istruirà, ispirerà e accenderà un amore per tutta la vita per i classici.