La disobbedienza civile in Antigone: come è stata rappresentata

John Campbell 28-07-2023
John Campbell

La disobbedienza civile di Antigone può essere considerato uno dei temi centrali dell'opera, considerando che il classico greco ruota attorno alla sfida della nostra eroina principale alle leggi civili. Come e perché Antigone andare contro l'organo di governo Per rispondere a queste domande, dobbiamo tornare all'opera e osservare attentamente lo svolgimento della storia.

Antigone

Dopo la guerra che ha ucciso Polineo ed Eteocle, Creonte sale al potere Il suo primo decreto? Seppellire Eteocle e vietare la sepoltura di Polineo, Questa mossa sconvolge la maggioranza del popolo, perché va contro la legge divina.

Antigone, la sorella di Polineo, è molto turbata da questo fatto e decide di sfoga la sua frustrazione sulla sorella Ismene. Antigone progetta di seppellire il fratello nonostante la volontà di Creonte e chiede aiuto alla sorella, ma Antigone decide di seppellire il fratello da sola vedendo la riluttanza di Ismene.

Antigone si avventura nel terreno e seppellisce il fratello; nel farlo è catturato da due guardie di palazzo Il re di Tebe è infuriato per la sfida di Antigone e la fa arrestare e seppellire in attesa dell'esecuzione. Emone, il fidanzato di Antigone, e il figlio di Creonte implora il padre di lasciare andare Antigone, ma Creonte rifiuta, costringendo il figlio a prendere in mano la situazione.

Haemon si dirige verso la prigione di Antigone, con l'intenzione di liberare la sua amata, per poi arrivare al suo cadavere, appesi al soffitto. In preda al dolore, Emone si uccide e raggiunge Antigone nell'aldilà.

Tiresia, il profeta cieco, fa visita a Creonte e lo avverte di arrabbiarsi con gli dèi. Egli mette in guardia il re dal suo destino avverso se continuerà ad agire sfacciatamente in nome della giustizia e dell'estrema arroganza: si stava ponendo alla pari degli dèi e mettendo le sue intenzioni egoistiche al comando il popolo di Tebe.

Le azioni peccaminose di permettere la sepoltura di una donna viva e vegeta e di rifiutare la tomba della morta l'uomo incorrerà nella loro ira e porterà inquinamento a Tebe, sia in senso figurato che letterale.

Creonte, spaventato, si precipita sulla tomba di Antigone per liberarla, ma con grande sgomento, Antigone e suo figlio si sono tolti la vita. Affranto, riporta il corpo di Emone a palazzo, dove la moglie, Euridice, viene a sapere della morte del figlio e si toglie la vita in preda alla tristezza.

Rimasto ormai senza nulla, se non il suo trono, Creonte si lamenta degli errori commessi e vive il resto della sua vita nel dolore Per lui, la disobbedienza civile di Antigone ha dato il via alla tragedia della sua vita.

Guarda anche: Perché Medusa è stata maledetta? Le due facce della storia sull'aspetto di Medusa

Esempi di disobbedienza civile in Antigone

La commedia sofoclea si contendeva la sua controverso tema della giustizia. Il tema della divinità e della civiltà inaugura una nuova era, poiché mette in luce il disaccordo di entrambe le convinzioni opposte. La disobbedienza civile, definita come il rifiuto di rispettare determinate leggi, è un punto fermo del classico greco.

La sfida di Antigone potrebbe essere definita tale mentre si oppone a chi è al potere. Attraverso l'orazione, Antigone cattura gli spettatori e impiega la sua forte passione per farli entrare in empatia con la nostra eroina, che così ottiene la forza di andare avanti con le sue convinzioni.

La sfida di Polineo

La prima disobbedienza civile dell'opera non viene menzionata ma viene allusa come i "Sette contro Tebe". Polineo, definito traditore per un motivo ben preciso, è stato bandito dal fratello Eteocle per non tornare mai più a Tebe. porta eserciti che causano una guerra. La disobbedienza di Polineo al comando del fratello porta alla morte di entrambi, permettendo a Creonte, lo zio, di prendere il potere.

La differenza tra la disobbedienza civile di Polinei e quella di Antigone è la loro causa; La sfida di Polineo deriva dalla sua eccessiva avidità. e l'arroganza, mentre quella di Antigone risiede nell'amore e nella devozione, ma, ironia della sorte, entrambe trovano la loro fine in questo modo.

La devianza di Creonte

Creonte, il legislatore della terra, ha disobbediva anche alle leggi civili. Prima del dominio di Creonte, gli abitanti di Tebe avevano una lunga storia di tradizioni profondamente radicate nella loro forma di religione. Seguono alcune usanze radicate in loro da molto tempo, una delle quali è il rituale per seppellire i morti.

Essi credono che per passare pacificamente nella terra dell'Ade, si debba essere Seppelliti nel suolo della terra o in grotte. Nel tentativo di punire un traditore, Creonte va contro queste leggi, seminando confusione e scompiglio nel suo popolo, mentre sale al potere. Una persona non può solo cancellare secoli di tradizione, e quindi si discostava dalle leggi non scritte della sua terra, creando discussioni e dubbi.

La sua sfida alla legge divina è considerata una disobbedienza civile nella sua terra, poiché le leggi degli dei sono state l'unica guida per il popolo di Tebe La legge non scritta è ancora una legge del paese; pertanto, la sua sfida a tale legge può essere considerata disobbedienza civile.

La disobbedienza di Antigone

Antigone e la disobbedienza civile vanno a braccetto quando sfida la legge di Creonte per lotta per il diritto del fratello a una degna sepoltura. Con coraggio marcia verso le conseguenze delle sue azioni, senza temere la morte, mentre viene sorpresa a seppellire il corpo del fratello defunto. A testa alta, incontra Creonte, che si infuria per la sua insubordinazione come è rinchiusa in una tomba; una punizione che Antigone ritiene peggiore della morte.

Essere sepolta viva è un sacrilegio per Antigone, perché crede fermamente nella legge divina Lei, che è stata sepolta viva, attende con impazienza la sua morte e disobbedisce al comando di Creonte di attendere la sua esecuzione e si toglie sfacciatamente la vita.

Antigone crede fermamente che le leggi dello Stato non devono prevalere sulle regole di Dio, Ha attraversato un dolore tale che il pensiero di La morte non ha avuto alcun impatto su di lei, Ma questi non sono solo atti di disobbedienza civile in Antigone.

La sfida più pressante ed evidente è la sua disobbedienza alla legge di Creonte, e si oppone, affermando la legge divina, rifiutando di indietreggiare di fronte agli ordini del re. Rifiutata, Antigone seppellisce comunque il fratello. Un altro esempio dell'ostinata sfida di Antigone si può vedere anche in uno dei cori.

Antigone sfida il suo destino

Il coro esalta Antigone per il suo coraggio di cercando di prendere le redini del suo destino, Si potrebbe anche supporre che abbia cambiato il suo destino, perché non è morta in modo tragico, ma per mano sua, con la sua moralità e il suo orgoglio intatti.

In morte, gli abitanti di Tebe annunciano l'eroina come un martire che si oppone a un governante tirannico Il popolo credeva che Antigone avesse esposto la sua vita, combattendo le regole ingiuste del tiranno e placando il tumulto interiore che tutti affrontavano: legge divina contro legge civile.

Conclusione:

Ora che abbiamo parlato di disobbedienza civile, Il suo significato e i personaggi chiave che hanno commesso tali atti:

  • La disobbedienza civile è definita come il rifiuto di rispettare leggi specifiche.
  • La commedia sofoclea, controversa, è contesa per il suo motivo nella rivalità delle due principali sette che governano il popolo: la religione e il governo.
  • Antigone sfida il governo seppellendo il fratello nonostante le leggi mortali, dando prova di disobbedienza civile.
  • Polineo disobbedisce al comando di Eteocle e scatena una guerra a Tebe, uccidendo entrambi.
  • Creonte disobbedisce alla tradizione e ai costumi, seminando così discorsi e dubbi nel suo popolo, mostrando la disobbedienza contro gli dei e la disobbedienza contro la tradizione.
  • La terra di Tebe è profondamente radicata nelle leggi divine che comandano il popolo, dando la loro versione della moralità e della retta via che Creonte dissuade, disobbedendo alla legge non scritta.
  • Antigone è fermamente convinta che le leggi dello Stato non debbano prevalere su quelle di Dio, per cui la sua sfida a Creonte si manifesta fin dall'inizio.
  • In opposizione, Creonte ritiene che il suo dominio sia assoluto e che chiunque si opponga debba essere punito con la morte.

La sfida di Antigone è radicata nella cultura tebana; crede fermamente nella legge divina e non tiene conto delle conseguenze delle sue azioni in nome del suo credo.

In conclusione, la disobbedienza civile ha molte forme, dall'opposizione alle leggi non scritte che governano la terra all'opposizione ai comandi legislativi; non si può sfuggire alla sfida Sfidare le leggi civili significa sostenere quelle divine e viceversa nell'Antigone sofoclea.

Guarda anche: Il cristianesimo in Beowulf: l'eroe pagano è un guerriero cristiano?

Ciò è dimostrato dall'alterco tra Creonte e Antigone, che si trovano ai due estremi di leggi opposte. Entrambi incrollabili nelle proprie convinzioni per sostenere la moralità delle loro bussole morali in conflitto, ironia della sorte, hanno in serbo lo stesso destino di tragedia.

John Campbell

John Campbell è un affermato scrittore e appassionato di letteratura, noto per il suo profondo apprezzamento e la vasta conoscenza della letteratura classica. Con la passione per la parola scritta e un fascino particolare per le opere dell'antica Grecia e di Roma, John ha dedicato anni allo studio e all'esplorazione della tragedia classica, della poesia lirica, della nuova commedia, della satira e della poesia epica.Laureato con lode in Letteratura inglese presso una prestigiosa università, il background accademico di John gli fornisce una solida base per analizzare e interpretare criticamente queste creazioni letterarie senza tempo. La sua capacità di approfondire le sfumature della poetica di Aristotele, le espressioni liriche di Saffo, lo spirito acuto di Aristofane, le riflessioni satiriche di Giovenale e le travolgenti narrazioni di Omero e Virgilio è davvero eccezionale.Il blog di John funge da piattaforma fondamentale per condividere le sue intuizioni, osservazioni e interpretazioni di questi capolavori classici. Attraverso la sua meticolosa analisi di temi, personaggi, simboli e contesto storico, dà vita alle opere di antichi giganti letterari, rendendole accessibili a lettori di ogni estrazione e interesse.Il suo accattivante stile di scrittura coinvolge sia le menti che i cuori dei suoi lettori, trascinandoli nel magico mondo della letteratura classica. Con ogni post sul blog, John intreccia abilmente la sua comprensione accademica con un profondolegame personale con questi testi, rendendoli riconoscibili e rilevanti per il mondo contemporaneo.Riconosciuto come un'autorità nel suo campo, John ha contribuito con articoli e saggi a diverse prestigiose riviste e pubblicazioni letterarie. La sua esperienza nella letteratura classica lo ha reso anche un ricercato relatore in vari convegni accademici ed eventi letterari.Attraverso la sua prosa eloquente e il suo ardente entusiasmo, John Campbell è determinato a far rivivere e celebrare la bellezza senza tempo e il significato profondo della letteratura classica. Che tu sia uno studioso dedicato o semplicemente un lettore curioso che cerca di esplorare il mondo di Edipo, le poesie d'amore di Saffo, le argute commedie di Menandro o i racconti eroici di Achille, il blog di John promette di essere una risorsa inestimabile che istruirà, ispirerà e accenderà un amore per tutta la vita per i classici.